Olio Extravergine di oliva Consigli e curiosità

Olio Extravergine di oliva Consigli e curiosità

Molti dei benefici che derivano dalla dieta mediterranea, sono da ascrivere alla utilizzazione dell’olio Extra Vergine di Oliva (EVO). Può essere definito così soltanto l’olio ottenuto direttamente dall’estrazione delle olive ed esclusivamente con processi meccanici controllati termicamente. Deve essere privo di difetti organolettici e con un’acidità non superiore allo 0,8%.

Cosa si intende per grado di Acidità

È il parametro sulla base del quale si differenziano gli oli d’oliva e consiste nella percentuale di acidi grassi liberi espressi come acido oleico in 100 g di olio. Non si sente assaggiando, rappresenta un indice di qualità che esprime,insieme ad altri parametri analitici, la sanità del frutto ed il rispetto delle buone pratiche agricole e di trasformazione. Non va confuso con gli attributi positivi dell’olio, come l’amaro, il piccante ed il fruttato.

Perché è un prodotto salutare ?

La principale funzione benefica dell’olio riguarda il cuore ed il sistema cardiovascolare. Grazie all’azione di sostanze come gli acidi grassi mono-insaturi ed i poli-fenoli, l’extra vergine riesce a tenere sotto controllo il livello di colesterolo LdL, detto anche “colesterolo cattivo”, all’origine delle più importanti problematiche cardiovascolari. È inoltre fonte di potenti anti-ossidanti, quali i composti fenolici (i cosiddetti poli-fenoli): insieme alla Vitamina E, contrastano l’invecchiamento cellulare ed i processi ossidativi che sono alla base di numerose patologie.

Come si conserva

Lontano dalla luce

L’illuminazione troppo forte incide sulla qualità dell’olio extra vergine, quindi va evitata l’esposizione direttamente al sole o a qualsiasi tipo di illuminazione artificiale. È meglio scegliere un olio contenuto in una bottiglia scura, in grado di proteggere in modo migliore il prodotto.

Lontano dal calore

Mai lasciare l’olio vicino ai fornelli, ai caloriferi o sotto il sole. L’alta temperatura danneggia il prodotto in modo irreversibile.

Lontano da odori impregnanti

Come tutti i grassi, l’olio funziona un po’ come una spugna per tutte le sostanze volatili. È bene quindi conservarlo lontano da barattoli di vernice, detersivi molto profumati, locali con muffe o saturi di fumo.

Né troppo freddo, né troppo caldo

Evitare sempre gli sbalzi termici, che incidono negativamente sulla qualità dell’olio. Se si fa scorta di extra vergine da conservare per diverso tempo, ad esempio in cantina, meglio una temperatura fresca ma senza eccessi, tra i 16° ed i 20°.

Attenti alle correnti d’aria

È sempre bene chiudere accuratamente il tappo dopo l’utilizzo, in modo da evitare il pericolo di ossidazione, che lo danneggia nel tempo.

Colorazione

Attenzione al colore. Il colore degli oli d’oliva può spaziare dal giallo oro alle più diverse tonalità di verde. Una colorazione del prodotto rosso-arancio, al contrario, è indice di un prodotto che, purtroppo, si è ossidato.

Un mondo di sapori

In Italia c’è l’imbarazzo della scelta: esistono circa 500 cultivar diverse di olio d’oliva, che danno vita ad altrettanti oli extra vergini con profili sensoriali differenti. La nostra coltivazione si è specializzata in 2 cultivar “biancolilla e nocellara” adatte al nostro clima che permetto di esprimere i sapori della nostra magnifica terra baciata dal sole.

Nessun Commento.

Lascia un commento